Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 
«Scordati partenze improvvisate.»
NadineM
Moderatore
‎13.01.2017 09:33
0 Likes

Il 23enne Simon siede su una sedia a rotella in seguito a un incidente. Anche se ha già superato da tempo la disgrazia, non vuole arrendersi a una cosa: la Svizzera e la mancanza di infrastrutture per le persone sulla sedia a rotelle. Troppo spesso si imbatte infatti in costruzioni nuove non accessibili alle sedie a rotelle, in bagni per disabili che in realtà non lo sono, in ostacoli che limitano la sua autonomia e quella di altre persone con handicap.

 

Limitazioni anche nei trasporti pubblici.

Uno dei punti criticati da Hitzi riguarda direttamente le FFS. Hitzi ha criticato in particolare la mancanza di flessibilità del Call Centers Handicap FFS  e il trattamento scortese ricevuto al telefono. Un rimprovero che Werner Jordan, responsabile FFS dell’accessibilità ai disabili sui trasporti pubblici, non ha voluto trascurare. Ha contattato Hitzi tramite Facebook e lo ha invitato a osservare direttamente il lavoro talvolta frenetico del Call Center.

Abbiamo avuto l’opportunità di accompagnare Simon a questo incontro presso il CC a Briga.

Puoi scoprire nel video quali sono le sue richieste concrete alle FFS e fino a che punto possono essere soddisfatte attualmente.

 

Il Call Center Handicap FFS supporta i viaggiatori a mobilità ridotta. I viaggiatori su sedia a rotelle, con difficoltà di deambulazione, non vedenti e ipovedenti e con disabilità mentali possono richiedere assistenza per salire e scendere dal treno. Il servizio è gratuito, tuttavia richiediamo di avvisare telefonicamente almeno un’ora prima della partenza (0800 007 102).

Inoltre il Call Center Handicap organizza l’assistenza per treni internazionali e fornisce consulenza ai viaggiatori disabili. Maggiori informazioni.